Privacy Policy

A Novembre 2018, nel cuore della notte come spesso accade ho avuto un’illuminazione: ho deciso quale sarà il tema dell’Agenda 2020! Mentre tutti dormivano ho acceso il telefono e via a scrivere sulle note fiumi di parole con ogni idea correlata a quel tema, come avrei potuto sviluppare i mesi, che sorprese avrei potuto inserire… Una nota che col tempo ho continuato ad aggiornare con spunti e nuove idee che nel frattempo arrivavano qua e là. Dopo il lancio delle Agende Accademiche a Giugno era arrivato il momento di mettersi a lavorare sul serio a quell’idea e preparare l’Agenda 2020: il tempo cominciava a stringere. È allora che è successo: il nulla cosmico.

Per quanto il tema mi piacesse da matti, lo sentissi fortemente legato a me e avesse tanti modi per essere sviluppato tra disegni e colori, nulla.. le tavole continuavano a rimanere bianche, non riuscivo a rappresentare ciò che realmente avrei voluto e l’idea della mia testa non combaciava con quello che producevano le mie mani. Ansia da prestazione? A livelli estremi. Tempo a disposizione? Sempre meno. Ho trascorso l’intero mese di Agosto a pensare e ripensare a come poter districare quel groviglio che si era creato: ogni giornata al mare iniziava con “Oggi tra un tuffo e l’altro troverò la quadra” e terminava con una serie infinita di No, No, No. Ho comprato libri su quel tema, anche illustrati, per trovare qualche spunto. Ho chiesto aiuto a marito, amici, parenti.. intanto Agosto stava terminando. Col lancio delle Agende previsto per fine Settembre. Ottimo, vero? Poi una sera, mentre sistemavano la cucina dopo cena, in tv passa una pubblicità: Bake Off, la nuova stagione, prossimamente.. È là, con tutta la pazzia di chi a un mese dal lancio più importante di un intero anno decide di rimescolare le carte in tavola, che nasce lui.

Beh inizialmente non era proprio lui.

Quando le rotelline del cervello hanno iniziato a girare all’impazzata pensando “Ok, faccio un’agenda che ruota attorno ai dolci e alla pasticceria”, la prima idea è stata: ci vuole un personaggio simpatico, dolce e buffo allo stesso tempo, un po’ pasticcione e tenero.

Ogni mese preparerà una ricetta diversa, che poi potranno rifare anche le persone che avranno tra le mani l’agenda! In quel momento, mentre lavavo i piatti e avevo le mani occupate da spugna e sapone dettavo a Ivan ogni idea che mi passava per la testa. “A Gennaio.. i macaron! Ad Aprile c’è Pasqua, qualcosa al cioccolato! E Maggio.. fragole! Sì, mettici le fragole. A Settembre si torna a scuola, ci vuole una merenda.. sì, le girelle! E ad Ottobre perché non dei waffle particolari.. alla zucca! Beh a Dicembre non possono mancare i biscotti alla cannella…”

In pochi minuti una nuova nota sul cellulare si riempiva di informazioni, ma stavolta vedevo chiaramente quelle pagine, quei colori, come avrei potuto disegnare tutto questo. Mancava solo lui, il vero protagonista. Dopo un anno con Marlene e Rudy, la pittrice e il gattino dell’Agenda 2019, ho pensato che la scelta migliore sarebbe stata un animaletto.. ma quale? Di nuovo un gatto? Direi di no, anche perché poi tutti vorrebbero Arturo e non mi sento di confinarlo a questo progetto. Un topolino? No, esiste già Ratatouille con un topo che cucina. Un elefantino? Sì ma non mi convince… e poi è arrivato lui!

Un maialino tutto rosa, nel suo laboratorio dai colori pastello, tra atmosfere parigine e dolcetti prelibati.

Nell’arco di mezz’ora le bozze a matita erano bell‘e pronte: a ogni disegno ne seguiva subito un’altro con la naturalezza, la spontaneità e anche il sano divertimento che volevo provare nell’affrontare il progetto dell’Agenda, che ormai da 3 anni è un po’ il fulcro su cui ruota quasi la totalità del mio intero lavoro.

 

Dopo aver disegnato anche le tavole ufficiali rimaneva ancora un dubbio: ma questo maialino come si chiama? Non riuscivo a trovare il nome giusto per lui e i suggerimenti di marito e amici non mi convincevano mai, finché proprio a pochi giorni dall’invio in stampa della copia zero mi sono svegliata con la risposta: Theò!

E dunque eccolo qui, Theò:

Coda riccioluta, e fruste sempre in azione, ogni giorno sforna prelibatezze nel suo laboratorio parigino. È un pasticcere coi fiocchi ma anche lui a volte combina pasticci!

 

Theò avrà sempre un dolcetto pronto per te durante quest’anno e sarà sempre qui a ricordarti che, se anche tu qualche giorno brucerai una torta, smonterai la panna o combinerai qualche piccolo guaio… potrai sempre ricominciare, rifare l’impasto e realizzare cose buone e belle!

Spero che questo piccolo viaggio nel backstage della nascita di Theò ti sia piaciuto. Io sono molto felice di aver fatto la pazzia di cambiar tutto a un mese dal lancio: è importantissimo pianificare e avere degli obiettivi definiti, ma è altrettanto importante fidarsi dell’istinto ed essere in grado di mettere da parte ciò che non funziona per lasciarsi guidare dall’intuito.

L’idea iniziale è tornata nella sua nota sul telefono ma sono sicura che prima o poi troverò il modo giusto per svilupparla, che sia l’Agenda 2021 o.. chissà!

Intanto, io e Theò speriamo di farti compagnia durante il prossimo anno! Per scoprire l’Agenda LaughLau 2020 in versione Settimanale o Giornaliera puoi cliccare qui e scoprire tutte le foto, descrizioni e caratteristiche. Se invece non hai dubbi e vuoi preordinarla prima che sia troppo tardi…